Che cos'è la musicoterapia

Il termine musicoterapia viene usato per comprendere moltissimi modelli e possibilità di intervento, alcuni anche molto distanti fra loro. Per conoscere meglio il modello umanistico che io utilizzo nel mio lavoro vi rimando alle letture nel sito www.musicoterapia.it.

Il mio approccio

Per quel che riguarda il mio personale sguardo, credo che la musicoterapia sia la possibilità di creare una relazione fra le persone utilizzando come mezzo di esplorazione ed espressione il suono, che dall’origine della vita, è parte di noi. Il suono ci consente di aprirci e comunicare ad un livello che non necessita di parole o di strumenti razionali, aiutandoci così a ‘stare’ in ciò che di più vivo c’è in noi: il corpo, le emozioni, l’esperienza complessa e cangiante del presente, che contiene sia ogni memoria del passato sia le infinite possibilità del futuro. Le persone di cui mi occupo in un percorso di musicoterapia non sono mai ‘brave’ o ‘non brave’, sono esseri unici che possono, nel loro modo particolare e irripetibile, aprirsi all’ascolto: di se stessi, degli altri e del Mondo. Ogni apprendimento deriva da questo ascolto. Che si tratti dell’imparare a parlare o del poter muoversi in modo più fluido o dell’iniziare a relazionarsi con gli altri, tutto nasce dall’ascoltare ed essere ascoltati.

Musicoterapia per tutti

La musicoterapia è aperta a tutti, bambini o adulti. In questo momento io lavoro in modo particolare con:

  • bambini che manifestano disagi emotivi o relazionali, difficoltà nell’esprimersi o nel gestire le emozioni
  • bambini e adolescenti con disabilità di vario tipo, dalla sordità all’autismo alle sindromi genetiche varie
  • bambini con disturbi del linguaggio e del comportamento
  • bambini e genitori che desiderano esplorare il mondo delle emozioni
  • adolescenti che desiderano intraprendere un percorso di scoperta e valorizzazione di se stessi

Clicca per guardare tutte le proposte di musicoterapia.